“I cavalli e la trebbiatura”

In questo periodo dell’anno, in campagna, può capitare di soffermarsi ad osservare i campi di cereali, frumento od orzo, o altri cereali ancora, oramai maturi e pronti per essere raccolti. Lungo le strade ci si imbatte in enormi mietitrebbie dotate di tutti gli accorgimenti, sia per il comfort dell’operatore sia per una meccanizzazione agricola sempreContinua a leggere ““I cavalli e la trebbiatura””

La Scuola di Mascalcia Militare a Pinerolo: i Corsi negli Anni 50.

Negli anni successivi la fine del secondo conflitto mondiale, l’insegnamento della Mascalcia risente dei profondi cambiamenti sociali e militari che caratterizzano il dopoguerra. La Cavalleria è ora un’Arma meccanizzata o corazzata: il cavallo non trova più impiego nei reparti operativi. Sopravvive in piccoli nuclei per l’addestramento degli Allievi delle Accademie, per l’equitazione sportiva e neiContinua a leggere “La Scuola di Mascalcia Militare a Pinerolo: i Corsi negli Anni 50.”

I corsi per Ufficiali veterinari presso la Scuola di Pinerolo – dal secondo dopoguerra alla fine degli Anni 50

Dopo la II Guerra Mondiale, chiusa la Scuola di Cavalleria nella sede di Pinerolo, le competenze addestrative del personale del Servizio Veterinario passano, nel 1948, al neocostituito Centro di Addestramento Reclute del Servizio Ippico e Veterinario, poi Centro di Addestramento del Servizio Ippico e Veterinario (CASIV), comandato da un Ufficiale di Cavalleria. Nel dicembre 1955Continua a leggere “I corsi per Ufficiali veterinari presso la Scuola di Pinerolo – dal secondo dopoguerra alla fine degli Anni 50”

I Congressi dei maniscalchi

Tra la seconda metà dell’Ottocento e la prima del Novecento il maniscalco, all’interno dell’ambito economico produttivo, occupava una posizione la cui importanza era corrispondente al ruolo del cavallo in quanto “motore animato”. Nell’anno dell’Unità d’Italia il numero di maniscalchi censiti nel Regno era praticamente doppio rispetto a quello dei medici veterinari. Alla diffusione della professioneContinua a leggere “I Congressi dei maniscalchi”

Il primo stabilimento italiano per la sterilizzazione del latte

Nel 1893, a Milano, veniva inaugurato il primo impianto italiano per la sterilizzazione del latte. L’azienda Davicini e C. sorgeva in via S. Barnaba ed era nata dall’idea di due avvocati, con il supporto di un ingegnere “distinto specialista in materia di lavorazione del latte”, che avevano avuto modo di vistare un impianto simile inContinua a leggere “Il primo stabilimento italiano per la sterilizzazione del latte”

I veterinari e lo Sport ippico

Nel 1893 “Il Moderno Zooiatro”, rivista di veterinaria e zootecnia, che aveva avviato le pubblicazioni tre anni prima ed accompagnò la classe veterinaria per oltre un trentennio, decise di avviare la rubrica periodica “Cronaca di Sport ippico”. Il comitato di redazione che aveva al suo interno prestigiosi docenti come Salvatore Baldassare, Roberto Bassi e LorenzoContinua a leggere “I veterinari e lo Sport ippico”

All’Orto Botanico di Alessandria un pomeriggio con la Storia della Veterinaria

Il 5 giugno presso il giardino botanico “Dina Bellotti” di Alessandria, su invito dell’Ordine dei Medici Veterinari della provincia si è tenuto l’incontro “Aspetti della Storia della Medicina veterinaria e della Mascalcia. Sono intervenuti il presidente A.I.S.Me.Ve.M., Mario Marchisio, e i soci Giovanni Re, Marco Galloni e Ivo Zoccarato. Nell’occasione è stata donata al presidenteContinua a leggere “All’Orto Botanico di Alessandria un pomeriggio con la Storia della Veterinaria”

La stalla, non solo il ricovero degli animali

Vi è stato un tempo, ormai lontano e quasi dimenticato, in cui la stalla non era solo ed unicamente il luogo in cui trovavano riparo i bovini. Nel periodo invernale, quando le giornate erano corte e più fredde, era consuetudine per la gente di campagna ritrovarsi, per trascorrere insieme qualche ora, nella stalla: il luogoContinua a leggere “La stalla, non solo il ricovero degli animali”

Il cavallo militare

Il ruolo e l’importanza del cavallo negli eserciti è noto e riconosciuto fin dall’antichità. Il primo trattato che descrive le caratteristiche del cavallo militare è quello di Senofonte scritto intorno al 350 a.C. L’impiego negli eserciti si è sempre accompagnato alla specializzazione d’uso. Nel Medioevo si distinguevano destrieri, ronzini e palafreni: i primi, i cavalliContinua a leggere “Il cavallo militare”