Post in evidenza

I cavalli e le variazioni climatiche

Da un trafiletto apparso sul Monitore Industriale Italiano il 13 settembre 1883 apprendiamo come l’andamento climatico, estremamente variabile in quell’anno, avesse influenzato negativamente la stagione riproduttiva dei cavalli. L’inizio della stagione di monta era stato caratterizzato da un brusco calo delle temperature. … Molto frequenti nel bestiame cavallino furono i casi di bronchite, di pleurite e di febbre da influenza palustre (malaria), e numerosi gli aborti, specialmente nella campagna romana ed in quelle località dove predomina lo stesso sistema d’allevamento. Nemmeno gli animali mantenuti in condizioni di stabulazione furono risparmiati da queste condizioni meteorologiche avverse … Anche gli stalloni dei depositi governativi, quantunque trattati e mantenuti colle maggiori cautele, ebbero a soffrire dei repentini e persistenti abbassamenti atmosferici; tanto che a numerose malattie di lunga durata e che condannarono alla inoperosità nove stalloni per tutta la stagione di monta, si ebbe a lamentare dal 1 di gennaio al 15 di luglio, termine della stagione di monta ordinaria, la perdita di sei riproduttori; mentreché nello stesso periodo del 1882 le malattie furono molto meno frequenti ed i decessi arrivarono al numero di quattro. Altri tempi e i medici veterinari non disponevano certamente di tutto l’armamentario farmaceutico odierno, ma ieri come oggi gli animali subiscono gli effetti deleteri della variabilità climatica e se allora era il freddo oggi sembra essere il riscaldamento globale a generare problemi.

Il quadro di oggi riproduce il tipico ambiente maremmano che viene richiamato all’inizio dell’articoletto di cui sopra.

Luigi Gioli – Gruppo di cavalli (Cavalli maremmani) 1890 (?) Galleria d’Arte Moderna Paolo e Adele Giannoni, Novara, Italia
Post in evidenza

Un aggiornamento biografico

La pagina delle biografie si arricchisce di un nuovo contributo con la scheda di Paolo Croveri, ufficiale medico veterinario e medico chirurgo divenuto uno dei massimi esperti in Patologia tropicale e sub tropicale nella prima metà del Novecento. Docente presso le facoltà di Medicina e Chirurgia di Torino, di Messina e di Modena.

Il murales che non ti aspetti

Talvolta, può accadere di imbattersi in un qualcosa che non ti aspetti e la sorpresa è sicuramente grande. Si può rimanere stupiti soprattutto quando ciò che si vede è l’omaggio ad un’arte antica come quella della mascalcia. L’artista, poco importa se famoso o meno, ha riprodotto una scena di vita frequente ad inizio ’900 nelle campagne: la bottega del maniscalco. Attività diffusa fin verso la fine degli Anni 60 del secolo scorso, oggi il maniscalco lo si incontra solo nei maneggi e negli ippodromi. Contrariamente a ciò che succedeva un tempo non è più il cavallo ad essere condotto nella bottega, dove il ferro veniva forgiato a caldo e realizzato su misura. Oggi il maniscalco viaggia a bordo di un’officina mobile attrezzata di tutto punto per potersi spostare da un cliente all’altro continuando però a praticare un mestiere antico. Forse ad alcuni può apparire come un saper fare superato dall’evoluzione tecnologica, ma alla base dell’arte del ferrare sta la capacità del maniscalco di discernere quale sia la ferratura più idonea per l’equide che gli viene presentato e quale sia la miglior tecnica per realizzarla. Tale capacità si acquisisce solo attraverso un percorso formativo che coniuga le conoscenze teoriche e la capacità di osservazione dell’animale alla manualità della realizzazione del ferro. L’immagine di oggi è un doveroso omaggio a quanti apprendono e tramandano la mascalcia.

Ricordi di viaggio (Lussan – Gard – Francia ) foto di G. Meneguz

La razza Maremmana

Oggi, in zootecnia il concetto di razza non ha più l’importanza di un tempo, l’evoluzione che gli animali hanno avuto dal punto di vista del miglioramento genetico si basa soprattutto sulla ricerca, ed il miglioramento, dei caratteri produttivi quanti-qualitativi. In tal senso, poco importa quale sia la razza di appartenenza. Vi sono tuttavia delle razze che sono entrate, per varie ragioni, nell’immaginario collettivo: la razza bovina Maremmana è sicuramente tra queste. Tipica della Maremma grossetana e laziale è una razza con scarsa attitudine alla produzione lattea e della carne che trovava la sua massima espressione nella produzione del lavoro, ottimi infatti erano i buoi che se ne ottenevano. La caratteristica che più colpisce è il portamento delle corna, lunghe e portate a lira nella femmina, mentre nel maschio il portamento è a mezzaluna. Il colore del mantello è grigio, con il contorno degli occhi grigio scuro come anche l’orlo delle orecchie e la punta della coda. Razza, robusta e frugale, che ben si adattava agli ambienti maremmani. Oggi ha perso molta della sua importanza rispetto ad un tempo, tuttavia continua a mantenere un ruolo primario nel contesto ambientale maremmano e nella sua conservazione. Infatti, è allevata quasi esclusivamente allo stato brado ed è governata dai butteri a cavallo secondo un sistema totalmente estensivo. Oggi la razza conta su un numero di capi limitato ragion per cui particolare attenzione è posta alla sua conservazione.

L’ambiente maremmano è stato un tema particolarmente caro a Giovanni Fattori che, nelle sue opere, ha più volte immortalato questa razza di bovini.

G. Fattori, Mandrie maremmane, 1893 – Museo civico G. Fattori (Livorno)

Corsi per Veterinari e Maniscalchi presso la Scuola di Pinerolo – titoli di coda …

A chiusura di questo impegnativo lavoro di recupero e digitalizzazione del materiale fotografico relativo ai Corsi AUC Vet e dei sottoufficiali maniscalchi e necessaria una considerazione ed alcuni ringraziamenti.

La considerazione nasce dalla constatazione che la Storia della Veterinaria e della Mascalcia militare è indissolubilmente legata alla Storia della Veterinaria e non solo nelle origini delle prime scuole. Se “l’internauta” avrà tempo e curiosità di scorrere le immagini si renderà conto che l’esperienza militare ha rappresentato per moltissimi veterinari, tra cui anche numerosi futuri docenti universitari, ricercatori di Istituti Zooprofilattici, dirigenti del Servizio Sanitario Nazionale e liberi professionisti il primo banco di prova e di assunzione di responsabilità professionale in prima persona. Non si tratta di ricordare i bei tempi passati, spesso frutto di una cattiva memoria, ma di conoscere il passato della nostra storia per meglio affrontare il nuovo che avanza.

Per quanto ai ringraziamenti il primo va al Gen. Giovanni Graglia, nostro socio, che con passione, pazienza e perseveranza ha digitalizzato tutto il materiale fotografico e documentale. Per gli altri ringraziamenti si ripropone la foto ricordo dell’ultimo corso AUC svolto presso la Scuola di Pinerolo.

Gli Ufficiali ed i Sottufficiali della foto sono i superstiti del travagliato anno di chiusura, sopravvissuti alla prevedibile destabilizzazione e diaspora che consegue a cambiamenti di questa portata e che in quella situazione fu epocale . Erano giovani di età e di grado, ma animati da un entusiasmo ed una determinazione ineguagliabili. A loro va la nostra ammirazione e riconoscenza.

Hanno permesso all’Ente di assolvere con dignità i suoi compiti istituzionali fino all’ultimo giorno e di ricominciare nelle nuove sedi che furono: Torino, per il Neasmi, con il Cap. Marco Bernardoni e Grosseto, per gli AUC e la Mascalcia, con il Magg. Alessandro Sericola, il Mar. Prisco Martucci ed il Mar. Giuseppe Pamelia.

Per certi versi fu come perdere la casa

La Scuola di Mascalcia militare: i Maestri maniscalchi

Agli istruttori della Scuola va il merito di aver saputo sviluppare, conservare e diffondere il metodo di ferratura di scuola italiana. Ciò che oggi può apparire superato dall’evoluzione tecnologica, che l’industria mette a disposizione, in realtà non lo è. Alla base del metodo sta la capacità del maniscalco di discernere quale sia la ferratura più idonea per l’equide che gli viene presentato e quale sia la miglior tecnica per realizzarla. Tale capacità si acquisisce solo attraverso un percorso formativo che coniuga le conoscenze teoriche e la capacità di osservazione dell’animale alla manualità della realizzazione del ferro. Dal 1879, anno di fondazione della Scuola, gli Istruttori che si sono susseguiti, 8 in tutto in pratica uno ogni 17 anni circa e ciò non per inamovibilità d’ufficio, ma per la capacità di infondere ai più giovani le conoscenze accumulate con l’esperienza nel tempo, hanno saputo preservare questo saper fare. A loro va un doveroso plauso e riconoscimento.

Corsi per Ufficiali Veterinari e Maniscalchi – i corsi continuano a Grosseto…

La carrellata fotografica sui corsi per Ufficiali Veterinari di Complemento di Pinerolo si conclude con un breve sconfinamento su Grosseto, dove il 1° settembre 1996, sulle “ceneri” della Scuola di Pinerolo e del Centro Allevamento e Rifornimento Quadrupedi di Grosseto. si costituisce il Centro Militare Veterinario (CEMIVET) che tra le varie competenze accorpa anche quelle di formazione per gli Ufficiali Veterinari di complemento e per i sottufficiali maniscalchi.

I corsi AUC veterinari si svolgono in Maremma per due anni esatti: il primo inizia già l’8 ottobre 1996. L’ultimo si conclude il 28 luglio 1998. Riprenderanno a settembre 1998 a Roma Cecchignola nella neocostituita Scuola di Sanità e Veterinaria Militare.

Anche i corsi per Maniscalchi Civili riprendono senza soluzione di continuità grazie principalmente alla capacità organizzativa e tecnica dell’Istruttore, Maresciallo Prisco Martucci.

Saranno 21 corsi, dal 16 settembre 1996 al luglio 2017, momento in cui i corsi per sottoufficiali maniscalchi cessano definitivamente.

Corsi per Maniscalchi presso la Scuola di Pinerolo – maniscalchi civili.

Verso l’inizio degli anni ottanta la Scuola, che aveva mantenuto intatto il suo patrimonio didattico, umano e strutturale, nel settore della mascalcia – durante tutta una generazione che aveva rimosso il cavallo e le attività ad esso connesse – ha intuito l’esigenza di formare le nuove leve di maniscalchi anche per il Paese, essendo venuta a mancare l’unica forma di trasmissione di questa professione artigiana, fondamentale per il mondo ippico: l’apprendistato nella bottega del maniscalco anziano.

Per tale ragione ha aperto i suoi corsi agli allievi civili.

Anche questo corso, similmente a quello previsto per i Sottufficiali Maniscalchi, ha la durata di un anno e periodicità annuale.

Gli aspiranti, segnalati dagli Enti Ippici Nazionali – principalmente l’UNIRE – si sottopongono ad una prova di ammissione da cui escono i dieci allievi che seguiranno il corso di specializzazione.

Sono ammessi a fruire – a pagamento – di vitto ed alloggio in caserma: le spese sono normalmente rifuse dagli Enti sponsor.

Dal 1980 al 31 agosto 1996, data di chiusura dell’Ente, si susseguono 12 corsi, con 92 specializzati.

Scuola di Pinerolo, i Corsi per Ufficiali Veterinari – Anni 90

All’inizio di questo decennio la numerazione dei Corsi raggiunge le tre cifre, il 100° si svolgerà tra il 3 maggio ed il 22 luglio 1991, tuttavia l’Esercito sta avviando una profonda riorganizzazione e per la gloriosa Scuola di Pinerolo, di lì a qualche anno, non mancheranno le “brutte sorprese”. In questo periodo si fanno più frequenti i Corsi Applicativi per ufficiali in spe.

Al 97° Corso (1990) partecipò Luca Sardi, futuro docente di Zootecnica Speciale a Bologna

Al 32° Corso Applicativo (1991) partecipò Luca Virgilio che sarà Comandante CEMIVET.

Al 101° Corso (1991) Gualtiero Gandini e Antonio D’Angelo furono compagni di Corso, entrambi saranno professore ordinario di Clinica Medica veterinaria, il primo a Bologna ed il secondo a Torino.

Con il 115° Corso si chiude la storia della Scuola del Corpo Veterinario Militare a Pinerolo.

A ricordo di una più che centenaria vicinanza tra la Scuola e la Città rimane la Targa consegnata dal Sindaco della Città di Pinerolo, Livio Trombotto, in occasione della cerimonia di saluto della Bandiera di Guerra e di chiusura della SVET il 31 agosto 1996 all’ultimo Comandante della Scuola, allora, Ten. Colonnello Giovanni Graglia. Da quel momento le attività della Scuola subiranno una separazione ed i Corsi per AUC Veterinari e la Scuola di Mascalcia saranno trasferiti a Grosseto.

Scuola di Pinerolo, i Corsi per Ufficiali veterinari – Anni 80

Prosegue la digitalizzazione delle immagini relative ai corsi per AUC Veterinari. In questo post quelle relative al decennio 1980-1989, i tempi cambiano e le foto diventano a colori.

Al 67° Corso (1980) parteciparono, tra gli altri, Gilberto Venco (capo Corso) e Walter Pinna che sarà professore ordinario di Alimentazione e Nutrizione Animale a Sassari, ambedue soci A.I.S.Me.Ve.M. , Sandro Cavirani che sarà ordinario di Malattie infettive a Parma, Alberto Mantovani che sarà ricercatore e dirigente all’Istituto Superiore di Sanità. Vi partecipò anche Raimondo Gissara che, per un incidente durante le lezioni di equitazione, non poté completare il Corso, sarà presidente dell’Ordine Provinciale di Siracusa e consigliere nazionale FNOVI.

Il 68° Corso (1980) fu frequentato da Gaetano Penocchio, futuro presidente della FNOVI.

Al 69° (1981) partecipò Stefano Belluzzi che sarà Ordinario di Clinica Ostetrica all’Università di Bologna.

Il 70° (1981) vide la partecipazione di Roberto Rasero e Carlo Renieri, entrambi docenti di Genetica animale, il primo a Torino ed il secondo a Perugia e poi ordinario nell’Università di Camerino dove sarà anche direttore di Dipartimento. Tra gli allievi anche Santo Caracappa che sarà direttore sanitario dell’Istituto Zooprofilattico della Sicilia e professore ordinario di Malattie infettive e Polizia veterinaria nell’Università di Messina.

Il 71° Corso (1981) tra i frequentatori ebbe Carlo Nebbia che sarà Ordinario di Tossicologia Veterinaria a Torino e Bruno Ronchi che sarà ordinario di Zootecnica nella Facoltà di Agraria di Viterbo e presidente dell’Associazione per la Scienza e le Produzione Animali.

Al 72° Corso (1982) parteciparono: Adalberto Merighi, che sarà ordinario di Anatomia veterinaria a Torino; Stefano Grandini che sarà Vicepresidente dell’Ordine di Bologna e Oscar Gandola, delegato Enpav dell’Ordine di Como e sindaco di Cerano d’Intelvi, comune che alcuni anni fa ha dedicato un monumento ad Iroso, ultimo mulo con le stellette.

Al 73° Corso (1982) partecipò Attilio Corradi che sarà professore di Anatomia patologica, Preside della Facoltà di Medicina Veterinaria e poi direttore di Dipartimento a Parma.

Il 74° Corso (1982) fu frequentato da Alberigo Nardi che sarà Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Grosseto.

Il 76° (1983) vide la partecipazione di Massimo Castagnaro, ordinario di Anatomia patologica veterinaria, poi Preside della Facoltà di Medicina Veterinaria di Padova e coordinatore della Conferenza dei Presidi delle facoltà di Medicina veterinaria italiane.

Il 77° Corso (1983) fu frequentato da Enrico Loretti che sarà Dirigente Veterinario dell’ASL di Firenze, Presidente dell’Ordine Provinciale di Firenze e Prato, membro della Segreteria Nazionale SIVeMP, Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’IZS di Lazio e Toscana.

Il 79° Corso (1984) ebbe tra i partecipanti Antonio Ciccilloni, che fu in servizio nella brigata Alpina “Orobica” gruppo artiglieria da montagna “Bergamo” e che di recente ha dato alle stampe un interessante volume sulla storia del 6° Regio deposito allevamento cavalli di Foresta Burgos.

All’81° Corso (1985) partecipò Guido Castellano che sarà Capo Servizio Veterinario dell’Arma dei Carabinieri.

L’82° Corso (1985) vide la partecipazione di Domenico Bergero, ordinario di Nutrizione e alimentazione animale, che sarà Direttore del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino, socio A.I.S.Me.Ve.M. Allo stesso Corso partecipò anche Massimo Trabalza Marinucci, anch’egli docente di Nutrizione e alimentazione animale all’Università di Perugia.

All’87° Corso (1987) partecipò Arcangelo Gentile che sarà ordinario di Clinica Medica veterinaria all’Università di Bologna.

All’88° Corso (1987) prese parte Carlo Guglielmini che sarà ordinario di Clinica medica veterinaria all’università di Padova. Allo stesso corso partecipò anche Stefano Bruzzi, socio A.I.S.Me.Ve.M.

Al 92° Corso (1988) partecipò Alessandro Spadari che sarà ordinario di Clinica chirurgica all’Università di Bologna, socio A.I.S.Me.Ve.M.

Al 93° Corso (1989) parteciparono Simone Siena che sarà Comandante CEMIVET e Capo Reparto Veterinario del Comando di Sanità e Veterinaria; Beniamino Cengi Goga che sarà docente di Ispezione degli Alimenti nell’Università di Perugia e Alessandro Zumbo che sarà docente di Zootecnica Speciale all’Università di Messina; Alberto Guasco che agli interessi professionali ha affiancato anche quelli per la storia del monte Chaberton a cui ha dedicato varie mostre e libri.

Scuola di Pinerolo, i Corsi per Ufficiali Veterinari – Anni 70

Nell’anno accademico 1968_69, presso la Scuola di Pinerolo, prende l’avvio il corso di laurea in medicina veterinaria per gli ammessi alla neocostituita Accademia di Sanità Militare Interforze. In attesa di una sede unitaria, che non sarà mai realizzata, gli allievi sono ripartiti tra le Scuole di Forza Armata: per l’Esercito, gli allievi di Medicina e Chirurgia e di Farmacia alla Scuola di Sanità Militare di Firenze, gli allievi di Medicina Veterinaria alla Scuola del Corpo Veterinario Militare di Pinerolo. Il corso di laurea viene frequentato presso la Facoltà di Medicina Veterinaria di Torino. Con gli anni questo corso è destinato a diventare la principale fonte di provenienza degli ufficiali del servizio permanente per il Corpo veterinario. In concomitanza con l’avvio del NEASMI, la Scuola lascia la storica sede nella caserma “Dardano Fenulli” per traferirsi nella nuovissima caserma “M.O.V.M. Ten. vet. Villy Pasquali” in via Stefano Fer. (per approfondire cfr. V. Fedele https://storiamedicinaveterinaria.com/2019-1-convegno-a-i-s-me-ve-m/ alle pagine 11-20).

Alla Scuola tornano, periodicamente per aggiornamento, anche gli Ufficiali veterinari del servizio permanente. Oltre i Tenenti di nuova nomina, tenuti ad un corso Applicativo di 6 mesi al termine del quale, se idonei, viene determinata l’anzianità relativa in funzione della posizione nella graduatoria di fine corso, tornano a Pinerolo anche i Capitani prossimi all’avanzamento al grado di Maggiore per un corso di aggiornamento alle funzioni di Ufficiale Superiore.

Per quanto riguarda i corsi AUC, dal 1978 la durata dei corsi AUC veterinari viene ulteriormente abbreviata a 10 settimane: la periodicità diventa di tre corsi all’anno, il numero massimo di allievi rimane fissato a 60 (20 per corso), con possibilità di elevarlo fino a 66 in caso di carenze nell’organico in servizio permanente, fatto che si verifica verso la fine degli anni Ottanta, quando gli Ufficiali di nuova nomina in uscita dal NEASMI portano ad un rapido completamento degli organici.

Il servizio di prima nomina gode di un paio di settimane di servizio in più che consentono un accavallamento, presso le Unità, dell’Ufficiale congedante con quello nuovo assegnato per una auspicata continuità di servizio.

Tuttavia, i 15 mesi di servizio tra corso e servizio di prima nomina contro i 12 e poi 10 mesi del servizio di leva, non rendono più particolarmente appetibile il corso AUC. Molti neolaureati in Veterinaria preferiscono optare per l’immediata e più breve chiamata di leva come militari semplici. Di conseguenza raramente vengono coperti tutti i posti disponibili.

Al 44° Corso (1970) parteciparono Arnaldo Triani che sarà Capo Dipartimento di Veterinaria del COMLOG Esercito, Ivo Pancani futuro professore ordinario di Clinica Chirurgica Veterinaria a Torino, Giuliano Zaghini futuro professore ordinario di Zootecnica Speciale a Bologna e Paolo Rasori che sarà presidente dell’Ordine di Mantova.

Il 45° Corso (1970) fu frequentato da Tullio di Lella che sarà ordinario di Nutrizione e Alimentazione animale nell’Università di Napoli, da Emilio Carpené che sarà ordinario di Biochimica, e Antonio Venturini, ordinario di Clinica chirurgica, entrambi nella Facoltà bolognese.

Al 46° (1971) parteciparono Maurizio Del Bue che sarà ordinario di Clinica chirurgica veterinaria a Parma, allo stesso corso prese parte anche Roberto Chizzolini, che nella stessa Facoltà, sarà docente di Ispezione degli Alimenti di origine animale.

Il 47° Corso (1971) vide tra i partecipanti: Claudio Peruccio che sarà pioniere della Oftalmologia Veterinaria e Pier Paolo Mussa ordinario di Zootecnia speciale, entrambi a Torino. Luigi Zicarelli raggiunse la cattedra di Zootecnica speciale a Napoli, Cristiano Boiti sarà professore ordinario di Fisiologia veterinaria a Perugia.

48° Corso (1972): Franco Brindani, socio A.I.S.Me.Ve.M., sarà Ordinario di Ispezione degli Alimenti di O.A. a Parma; tra gli aspiranti ufficiali anche Oreste Massimino, uno dei padri dell’avicoltura industriale in Piemonte e Francesco Mascarello futuro professore Ordinario di Anatomia veterinaria a Padova.

Il 49° Corso (1972) vide tra i frequentatori Federico Valenza che sarà Ordinario di Anatomia Patologica Veterinaria a Torino, Rino Panu di Anatomia veterinaria a Parma e Mario Orlandi di Zootecnica Speciale a Pisa.

Tra gli allievi del 50° Corso (1973) si riconoscono: Adriano Sala che sarà il primo Comandante del CEMIVET di Grosseto dal 1996 al 1999; Giuseppe Aimetta che fu Comandante dei Corsi NEASMI presso la Scuola di applicazione di Torino; Carlo Girardi futuro Preside della Facoltà di Medicina veterinaria di Torino; Giorgio Battelli, socio A.I.S.Me.Ve.M., ordinario di Parassitologia e malattie parassitarie e Direttore della scuola di specializzazione in Sanità animale, allevamento e produzioni zootecniche dell’Università di Bologna. Gilberto Bestetti docente di Patologia generale a Torino, poi trasferitosi in Svizzera dove proseguì la carriera universitaria come docente di Anatomia patologica; Roberto Rosmini che sarà ordinario di Ispezione degli alimenti di origine animale a Bologna; Daniele Bernardini che sarà ordinario di Clinica medica veterinaria a Padova e quindi direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezie.

I partecipanti al 3° Corso NEASMI (1970-1974) furono quattro: Giuseppe Vilardo sarà Comandante CEMIVET e Capo Dipartimento Veterinario del COMLOG, Stefano Barlozzari sarà Capo Servizio Veterinario della Regione Lazio, Gian Franco Pinzone sarà Veterinario Dirigente USL Ventimiglia e Vincenzo Fedele sarà Capo Servizio Veterinario ASL Pinerolo.

Tra i partecipanti al 52° Corso (1974) vi furono: Giovanni Graglia, socio A.I.S.Me.Ve.M., che sarà Comandante, l’ultimo, della Scuola Veterinaria di Pinerolo e successivamente Comandante del CEMIVET a Grosseto; A. Venturi, Marco Bizzeti e Guido Ferruzzi. I primi due saranno docenti alla Facoltà Medicina Veterinaria ed il terzo alla Facoltà di Agraria di Pisa; Ezio Botarelli ordinario di Malattie infettive a Parma; Carlo Facello docente di Fisiologia veterinaria a Torino.

Al 54° Corso (1975) Parteciparono: Carlo Tamanini, ordinario di Fisiologia veterinaria, che sarà Preside della Facoltà di Parma e quindi a Bologna dove sarà direttore di Dipartimento; Stefano Cinotti ordinario di Clinica medica veterinaria a Bologna e preside della Facoltà e a lungo direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia-Romagna; Mario Gobetto che sarà presidente dell’Ordine provinciale di Torino e Mario Sapino che sarà dirigente dell’Ufficio Veterinario adempimenti comunitari di Torino.

Al 55° Corso (1975) prese parte Doriano Minori che sarà Comandante del CEMIVET.

Il 58° Corso (1977) vide la partecipazione di Milo Julini che sarà docente nel settore dell’Ispezione degli Alimenti di Origine Animale a Torino.

Al 63° Corso (1979) partecipò Paolo Ajmerito, prematuramente scomparso, che sarebbe diventato direttore del macello di Carmagnola, in provincia di Torino.

Al 64° Corso (1979) prese parte Roberto Giomini che sarà presidente dell’Ordine provinciale di Grosseto.