Scuola di Pinerolo, i Corsi per Ufficiali Veterinari – Anni 60

Gli anni Sessanta sono caratterizzati da corsi con pochi allievi, specchio dell’analoga carenza di laureati in uscita dalle Facoltà di Medicina Veterinaria.

La tendenza si invertirà solo negli anni Settanta con l’apertura delle iscrizioni alle Facoltà scientifiche anche ai diplomati degli istituti tecnici.

Nel 1964 la durata del corso AUC veterinari è ridotta a tre mesi.

Tra gli allievi del 24° Corso vi fu Franco Pezza che sarà Direttore dell’Istituto di Medicina Legale e Legislazione Veterinaria dell’Università di Milano, Presidente della Società Italiana di Sanità Pubblica Veterinaria dal 2001 al 2006 e Direttore della Scuola di Specializzazione in Diritto e Legislazione Veterinaria.

Al 28 ° Corso (1962) partecipò Mario Valpreda. Figura di primo piano nella Sanità piemontese sarà, dopo un periodo di dirigenza all’Istituto Zooprofilattico del Piemonte, Capo Servizio Veterinario della Regione Piemonte e Assessore alla Sanità della Giunta regionale piemontese. In gioventù era stato tre volte campione nazionale e sei campione piemontese di atletica leggera nel mezzofondo.

Tra gli allievi del 30° Corso, Giuseppe Caputo che sarà Comandante della Scuola dal 1989 al 1995 e ultimo Capo del Corpo Veterinario dal 1996 al 1998.

Ezio Lodetti, frequentò il 31° Corso (1963). Già direttore dell’Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia-Romagna è stato a lungo direttore scientifico della Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche di Brescia. Socio onorario A.I.S.Me.Ve.M. Compagni di corso anche Luigi Morganti e Antonio Lauria. Il primo sarà ordinario di Malattie infettive, profilassi e polizia veterinaria e Direttore del Dipartimento di Sanità pubblica veterinaria e Patologia animale dell’Università di Bologna, mentre il secondo sarà ordinario di Anatomia veterinaria presso l’Ateneo milanese.

Tra gli allievi del 1964 (32° Corso) vi furono Sergio Bergomi che sarà Veterinario Provinciale e poi Capo Servizio Veterinario di Reggio Emilia e Marzio Panichi che sarà docente di Medicina Legale veterinaria nella Facoltà di Torino. Entrambi soci attivi dell’A.I.S.Me.Ve.M.

Saverio Peirone, che sarà ordinario di Anatomia degli animali domestici alla Facoltà di Torino, fu allievo del 37° Corso nel 1966.

Tra gli allievi del 38° Corso (1967) Giuseppe Zannetti, futuro ordinario di Clinica Medica Veterinaria alla Facoltà di Medicina Veterinaria di Parma.

Al 39° Corso (1967) partecipò Sandro Govoni che sarà direttore incaricato dell’Istituto di Patologia Aviare della Facoltà di Bologna.

Giorgio Poli e Danilo Codazza furono compagni di Corso, il 40°, nel 1969. Il primo salirà alla cattedra di Microbiologia e Immunologia veterinaria e sarà Preside della Facoltà di Medicina Veterinaria di Milano, mentre il secondo sarà Direttore della Scuola di Specializzazione in Diritto e Legislazione Veterinaria, nella stessa facoltà.

Tra gli allievi del 41° Corso vi fu Ario Gnudi, sarà Veterinario Provinciale di Bologna. Dopo la promulgazione della Legge di Riforma Sanitaria (833/1978), fu designato Direttore di Distretto e di Ospedale nella propria USL. Oggi è un affermato scrittore.

Tra gli allievi del 42° Corso (1969) anche Remo Castagneri. In servizio di prima nomina a Pinerolo sarà il portabandiera nella cerimonia con cui la Bandiera fu concessa al Servizio Veterinario Militare. Affermato professionista, fu direttore del Dipartimento di prevenzione dell’allora ASL 5 del Piemonte. Sarà eletto sindaco di Avigliana (TO) tra il 1997 ed il 2003.  

Giovanni Vincenzi, che sarà Dirigente del Dipartimento servizi veterinari della Regione Veneto, frequentò il 43° Corso nel 1969.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: